16 Settembre 2021

Sicurezza dei circuiti con il gruppo automatico 580011

Negli ultimi anni gli impianti di climatizzazione sono diventati estremamente efficienti, incrementando le prestazioni e abbattendo i consumi, con un minor impatto sull’ambiente, sia in termini di risparmio energetico, sia di riduzione delle emissioni inquinanti. Tuttavia per garantire elevati standard in tutto il sistema, occorre adottare adeguate precauzioni.

Le caratteristiche dell’acqua inserita all’interno del circuito chiuso sono una base di partenza importante. L’acqua viene addolcita, demineralizzata e condizionata a seconda delle necessità. Le sue caratteristiche raggiungono livelli di pericolosità per la salute.

Per questi motivi, il circuito sanitario domestico necessita di protezione dal possibile “inquinamento”, come stabilito dalla norma EN 1717.

L’acqua inserita negli impianti di climatizzazione, infatti, subisce delle modificazioni che non la rendono più adatta al consumo umano, quindi diventa importante utilizzare dei disconnettori a protezione del riflusso.

Vi invitiamo a consultare la nostra rivista Idraulica per una formazione approfondita sull’argomento.

Qui di seguito un esempio di schema applicativo di immediata comprensione e sicura efficacia:

Riempimento di impianti di riscaldamento con additivi

Claudio Ardizzoia - Standards and Product Marketing Plumbing Manager - nell’ultimo numero di Idraulica, disponibile anche in versione digitale, dichiara:

“L’acqua è un bene da proteggere. La qualità e sicurezza dell’acqua distribuita sono condizioni fondamentali. In un momento di particolare attenzione alla eliminazione della plastica e dei contenitori, sempre di più si userà acqua direttamente dai rubinetti. Casi reali di inquinamento dell’acqua distribuita si presentano all’attenzione pubblica, con gravi rischi per le persone e danni per la rete da sanificare. Occorre garantire agli utilizzatori acqua sicura, sempre controllata e protetta da possibili inquinamenti, con tutti gli strumenti ed i dispositivi che la moderna impiantistica ci mette a disposizione. I dispositivi di protezione anti-riflusso, sviluppati negli anni ’60 ed introdotti in Italia più di trent’anni fa, sono ancora oggi gli apparecchi più idonei. La loro conoscenza ed applicazione rigorosa deve migliorare, sicuramente qui da noi in Italia.”

Idraulica 60

 

SCARICA IDRAULICA 60

Noi di Caleffi, proponiamo una soluzione all-in-one: il nuovo gruppo compatto di caricamento automatico con disconnettore serie 580011 che comprende due valvole di intercettazione, un filtro ispezionabile, un disconnettore a zona di pressione ridotta controllabile tipo BA e un gruppo di riempimento automatico.

Installato sulla tubazione di adduzione dell’acqua negli impianti di riscaldamento a circuito chiuso, il gruppo stabilizza la pressione dell’impianto, ad un valore preimpostato, provvedendo automaticamente al reintegro dell’acqua mancante. Il disconnettore impedisce che l’acqua contaminata del circuito chiuso di riscaldamento rifluisca nella rete di alimentazione acqua sanitaria.

580011

SCARICA IL DEPLIANT


 

SCARICA LA GUIDA MONOGRAFICA "DISPOSITIVI DI PROTEZIONE ANTI RIFLUSSO"